Voglio un cesareo-perché non me lo date?

Se aveste la possibilità di fare un intervento chirurgico o di non farlo, qualcosa mi dice – chiamatelo intuito – la maggior parte sceglierebbe il secondo. La chirurgia elettiva non suona esattamente divertente, ma durante la mia gravidanza nel 2017, questo è esattamente ciò che volevo, un cesareo elettivo.

I cesarei elettivi rappresentano solo il 2,5% di tutte le nascite negli Stati Uniti, secondo l’American College of Obstetricians and Gynecologists (ACOG). La comunità medica si riferisce a questo desiderio come parto cesareo su richiesta materna, e io sapevo prima ancora di rimanere incinta che ne volevo uno. Ho un disturbo di panico e la gravidanza è sempre stata qualcosa che temevo. L’idea di un feto che cresceva mi sembrava claustrofobica. Più grande sarebbe diventato il bambino, espandendosi dalle dimensioni di un pisello a quelle di una zucca, più difficile sarebbe stato respirare. Da lì potrei avere un attacco di panico, e poiché la gravidanza dura nove mesi, il panico potrebbe sembrare infinito. La logica non c’era, ma i percorsi neurali che hanno cablato il mio cervello per temere i “what-ifs” sicuramente c’erano.

Vedi di più

Poi c’era il parto stesso. Il parto vaginale non era ciò che mi spaventava; piuttosto, avevo paura di arrivare alla 39a settimana e sentirmi così claustrofobica da aver bisogno di una soluzione immediata. Sono una persona che ha avuto un attacco di panico su un aereo durante il processo di imbarco e sono scappata per calmarmi, ma dato che non si può esattamente scappare dalla gravidanza, pianificare un cesareo mi sembrava un’uscita di emergenza sicura.

In genere, i medici raccomandano i cesarei elettivi solo nei casi in cui c’è una “indicazione materna o fetale”, come se la mamma ha la placenta previa o condizioni di salute come la pressione alta, o se il bambino è in una posizione anomala. Direi che la mia paura paralizzante del parto è qualificata, quindi prima che io e mio marito iniziassimo a provare a rimanere incinta, ho completato la terapia cognitiva comportamentale (CBT) e ho incontrato due psichiatri specializzati nella riproduzione femminile. Sono stata grata di aver trovato degli esperti che mi hanno aiutato a superare la mia paura, e ho scelto di provare la gravidanza senza ansiolitici perché non stavo prendendo nulla per cominciare (anche se questo è fantastico se i farmaci sono ciò che funziona per te).

Ma il mio piano non è stato facile da vendere al mio ginecologo. Mi ha sottolineato ripetutamente i rischi di un taglio cesareo – emorragia e infezione – e sapevo anche che il parto vaginale è noto per esporre il bambino a batteri intestinali sani. “Anche se il parto cesareo è una procedura comune, è ancora una procedura chirurgica che può essere associata a rischi e complicazioni”, spiega Stephanie McClellan, M.D., CMO di Tia, un programma di assistenza sanitaria per donne a New York City. “Ciò che è molto interessante è che le ragioni che le donne richiedono sono abbastanza coerenti: la paura del dolore del travaglio, la convinzione che sia un metodo di consegna più sicuro sia per la madre che per il bambino, la storia precedente di un parto vaginale traumatico, le credenze culturali sul miglioramento della funzione sessuale e le influenze specifiche delle opinioni della famiglia e degli amici.”

La panoplia di rischi associati a un cesareo, in effetti, sembrava astratta. Avevo più paura di arrivare a un punto in cui il mio disturbo di panico si sentiva ineluttabile – i rischi materni e fetali associati all’ansia e al panico durante la gravidanza si sentivano molto più immediati. La scelta di fare un cesareo non dovrebbe essere una mia prerogativa?

Non sono sola a pensarla così. “I rischi della chirurgia non erano nemmeno una preoccupazione per me”, dice Clare Frances, una mamma di Palo Alto, California, che ha anche chiesto al suo ginecologo un cesareo elettivo quando era incinta del suo primo bambino. “Alleviare l’ansia ed esercitare il controllo superava di gran lunga qualsiasi pensiero di possibili rischi medici – era basato al 100% su ciò che era la migliore scelta emotiva per me.”

La vendita difficile

Come il mio ginecologo, la maggior parte sono “riluttanti a concedere richieste per un taglio cesareo elettivo (ECS) a causa della paura del parto”, secondo un documento pubblicato sulla rivista BMC Pregnancy and Childbirth.

Questo potrebbe cambiare, però. “In 20 anni ho visto una tendenza in questa direzione con più enfasi sull’autonomia del paziente, la consapevolezza intorno al consenso e la discussione del processo e della scelta”, dice Suzanne Gilberg-Lenz, M.D. un ginecologo certificato e un consigliere per Bodily. “Forse perché le donne si sentono più in sintonia con i loro medici e hanno più potere e meno vergogna del loro corpo, fanno più domande sulla modalità del parto e si sentono più capaci di esprimere le loro aspettative”. Nella sua esperienza, le donne che richiedono un cesareo elettivo spesso hanno una storia di trauma, un disturbo dell’umore o ansia, tutte cose che possono aggiungere uno stress potenzialmente dannoso a una gravidanza.

Ci dicono che desiderare un cesareo elettivo è potenzialmente pericoloso, ma che dire dei rischi di affrontare una gravidanza che sembra in contrasto con la propria salute mentale? “Un cesareo pianificato in un ambiente controllato, pur essendo ancora un intervento chirurgico addominale e portando rischi, è in realtà abbastanza sicuro nelle mani di un chirurgo ostetrico esperto e competente”, dice il dottor Gilberg-Lenz. “Gli interventi chirurgici non dovrebbero mai essere intrapresi alla leggera, ma questo è ciò che riguarda il consenso informato”. Lei trova che quando lei come medico è aperta ai cesarei elettivi, aiuta le sue pazienti a sentirsi ascoltate. “Si tratta di creare sicurezza e fiducia ascoltando la paziente, educandola e sostenendola nel processo”, dice. “Il più delle volte, quando ricevo richieste di cesarei elettivi, vengono abbandonati in seguito a causa del rapporto che abbiamo sviluppato.”

Anche con il sostegno di un medico, lo stigma persiste, vorticando in ogni fase del viaggio della gravidanza. “Mi sono sentita molto sola”, dice Rachel Heston-Davis, una 36enne dell’Illinois. “Io e mio marito abbiamo parlato della mia scelta solo ai nostri genitori e a quattro amici molto stretti. Abbiamo detto ad altre persone che avevamo dovuto programmare un cesareo per motivi medici. Non mi vergognavo della mia scelta, ma sapevo che mi sarei arrabbiata se le persone avessero discusso o mi avessero fatto difendere questa decisione di salute mentale, quindi mi sembrava più facile non sollevare il vespaio.”

Il diritto di scegliere

Un ostetrico che è disposto a considerare un ECS può cambiare l’esperienza delle donne che hanno paura di partorire vaginalmente. “Come persona che soffre d’ansia, qualsiasi cosa che mi sommerge fisicamente e mentalmente può mandarmi in un posto molto buio da cui è difficile riprendersi”, dice Heston-Davis. “Avevo paura di rimanere incinta fino a quando il mio ginecologo mi ha rassicurato che avrebbe approvato un cesareo per me. La scelta di optare per un cesareo ha fatto la differenza per ogni aspetto del mio concepimento, della gravidanza e dell’esperienza del parto. Se avessi trascorso la mia gravidanza anticipando il parto vaginale, avrei avuto un’ansia frequente che mi avrebbe prosciugato quotidianamente. Dopo che quella nuvola scura di preoccupazione si è sollevata, sono diventata gioiosa al pensiero di iniziare la nostra famiglia.”

Se il potere di scegliere un cesareo elettivo avrebbe un impatto significativo sulla tua salute mentale, parla con il tuo medico. “Se l’ansia e la paura del parto vaginale e del travaglio non possono essere placate, credo che un parto cesareo elettivo programmato a 39 settimane di gestazione sia appropriato”, dice il dottor McClellan. Dovrete anche considerare il costo. Non tutti gli assicuratori copriranno il parto se non c’è una “indicazione medica” per il cesareo”, spiega Giovannina Anthony, M.D., un’ostetrica di Jackson, Wyoming. “Il mio ufficio controlla con l’assicuratore di ogni paziente per verificare la copertura, e si può immaginare se il paziente sarà fuori di tasca; anche questo può influenzare la loro decisione.”

In definitiva, si tratta di avere il potere di prendere quella decisione.

“Avere la scelta mi ha dato la libertà di valutare accuratamente ciò che potevo gestire quando è arrivato il momento”, condivide Rachel, che ha finito per partorire vaginalmente per scelta. “Il mio travaglio è stato veloce, la mia epidurale è stata estremamente efficace, e queste due cose hanno reso il travaglio molto meno spaventoso di quanto avessi previsto. Ma se mi fossi sentita come se stessi lottando contro i medici e le infermiere per far rispettare i miei desideri, non avrei potuto fare quel passo indietro per rendermi conto che ero effettivamente preparata per il parto vaginale.”

Trovare il coraggio di andare controcorrente, mettere il tempo per ricercare i pro e i contro, e trovare un medico che ti sostiene sono tutti elementi importanti per le donne. Certamente lo sono stati per me. Alla 39esima settimana di controllo, io e mio marito ci siamo seduti nella stanza degli esami con il mio ginecologo e abbiamo scelto una data per il cesareo elettivo. Ci saremmo incontrati di nuovo per discutere e pianificare l’intervento, disse il mio medico. Mi sono schiarita la gola e ho sentito l’aria frizzante della stanza perforare le mie narici. Incoraggiata, ho detto: “Ok, mi piace. E se vado in travaglio questa settimana, mi sento bene a cercare di partorire vaginalmente”

Che è esattamente quello che ho fatto. Tutto ciò di cui avevo davvero bisogno, sembrava, era l’opzione. Sentire che nel mezzo di una gravidanza lunga e mentalmente impegnativa, avevo un po’ di potere in materia. Questo e un’epidurale.

Rebecca Brown è una scrittrice e redattrice di San Francisco che si occupa di moda e benessere. Seguitela su [email protected]_n_sf o trovate il suo libro di memorie, Stop, Drop, and Panic…and Other Things Mom Taught Me su Amazon.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.